Come sono fatti i nuovi sistemi di allarme per la casa contro i furti

Sempre più spesso gli italiani subiscono furti nelle proprie abitazioni. Il più delle volte si tratta di scassinatori non professionisti, che cercano di entrare in casa forzando la porta principale. Possono penetrare anche attraverso le finestre dei piani più bassi di condomini, e lavorare indisturbati alla ricerca di ori e preziosi. Per proteggere la propria casa ci sono delle ottime soluzione , è sufficiente installare un antifurto di casa wireless insieme ad inferriate e porte blindate. La casa diventa quasi impenetrabile ed è sicuramente protetta contro ladri e malinenzionati.

I nuovi sistemi di allarme sono molto sofisticati e permettono di proteggere una proprietà privata in maniera economica . I sistemi di antifurto sono composti da centralina, sensori di rilevamento, sirena e telecamere di videosorveglianza. Una centralina è un dispositivo che si monta all’ interno della propria abitazione; comunica con gli altri componenti tramite un collegamento filare oppure wireless, a doppia frequenza. La centralina può essere collegata anche al telefono di casa ed inviare un messaggio sul proprio cellulare in caso di allarme. Può essere connessa anche con le forze dell’ordine che ricevono una chiamata al momento dell’allarme.

La sirena spara un suono a 100 decibel per allontanare i ladri e per segnalare la casa sotto attacco. I sensori di rilevamento invece fanno la parte più complicata di tutto il processo. Riescono a rilevare il movimento di una persona distinguendolo da quello di un animale. Proprio per questo motivo possono essere utilizzati anche da coloro che hanno cani e gatti in casa.

Il sistema di antifurto è completato da un sistema di videosorveglianza. Le nuove telecamere si connettono ad Internet è tramite il collegamento ADSL . In questo caso sono dotate di rilevatore di movimento che fa scattare l’allarme e inizia a mandare le immagini in diretta attraverso Internet. Riceviamo sullo smartphone un alert è possiamo vedere quello che sta accadendo in quel momento nella nostra casa.

Porte blindate ed inferriate completano la protezione della casa. Le porte blindate non sono tutte uguali, si distinguono a seconda del loro grado di protezione. Le classi di sicurezza sono sei, a partire dalla più bassa, uno ,fino ad arrivare a quelle più elevate, in classe sei, ovvero porte blindate per banche e altri tipi di negozi. Una porta blindata di classe tre o quattro è sufficiente per proteggere la nostra abitazione, meglio se dotata di serratura con cilindro europeo e sistema defender elettronico.

Le chiavi in quest’ultimo caso non possono essere replicate da normali ferramenta, hanno bisogno di un codice che viene fornito dal produttore della stessa serratura. Non possono essere scassinate con un grimaldello e sono difficilmente replicabili. I cancelletti sono in acciaio, non possono essere forzati di maniera semplice, ma ci vuole un frullino per tagliarli che ovviamente attira l’attenzione dei vicini di casa. Un sistema di sicurezza di allarme per la casa costa circa 2000-3000 euro, a seconda di quanti sensori di rilevamento e telecamere montiamo nell’impianto. Una porta blindata non costa meno di € 1500 e le inferriate ai cancelletti dipendono da quante finestre devono proteggere. Ricordiamo che tutti questi tipi di spese possono essere portate in detrazione, il 50% della spese, grazie alla proroga sui bonus per le ristrutturazioni edilizie.